DUO EX MACHINA


BOOFE KOOR TEATRO PRESENTA IL PROGETTO "DUO EX MACHINA": TELEMACHIA PRIMO STUDIO DI E CON MATTEO CIUCCI E ALESSIO MOSTI


MARTEDì 21 LUGLIO | ORE 22.00 | GIARDINO PALAZZO BINELLI


MATTEO CIUCCI


Si avvicina al teatro dopo aver frequentato luniversità di Filosofia e Cinema. La passione verso il linguaggio, l’immagine e il movimento resterà la materia d’indagine per tutti gli anni a venire. I primi studi avvengono alla scuola di recitazione Teatro Everest di Firenze diretta da Massimo Alì “Teatro a Manovella”. Collabora fin da subito con la compagnia “Il paracadute di Icaro” e con il “Frantoio” di Fucecchio diretto da Firenza Guidi. Sarà nel 2011 la verà e propria scoperta del teatro grazie all’incontro con Cesar Brie, che lo porteranno a lavorare e collaborare per anni con l’attrice e regista Naira Gozalez. Nel 2012 studia danza con Gabriella Secchi e poi con Livia Marques con la quale metterà in scena vari spettacoli “G..(H)ate”, “Six”, “Cum+Nectare”. Approfondisce gli studi sul movimento con Cristiana Morganti, Kenji Takagi, Dominique Duszyniski, Giorgio Rossi e Nikolaj Karpov. Nel 2014 studia tecniche vocali e lavora con Ciro Masella a spettacoli quali “L’italia s’è desta” di Stefano Massini e “I Precariatidi” di Ilaria Mavilla. Lavorerà poi con Alessio Martinoli, Dimitri Frosali e il regista Greco Micheal Marmarinos. Dal 2015 studia canto con il maestro Bruno de Franceschi, e mette in scena il suo primo spettacolo “Le cose dietro il sole” col quale esordirà al festival “Lunatica” e che diverrà anche un Docu-Film. Dal 2016 inizia a lavorare e collaborare con il regista Franco Rossi “Semi Cattivi” e l’attrice Marion D’Amburgo a spettacoli quali “Penelope”, “Io sono qui”. Nel 2017 lavora con Roberto Latini e inizia a studiare tecniche psicodrammatiche con Tomi Janezic. Sempre nel 2016 Inizia a tenere corsi di teatro nelle scuole di primo e secondo grado della provincia di Massa Carrara fra le quali “A.M.Menconi”, “Giromini”, “Istituto Figlie di Gesù” “Istituto Montessori-Repetti”, “Liceo Rossi” e “Liceo Pascoli”. La passione per la sfera educativa gli faranno incontrare Marco Martinelli “Teatro delle Albe” e il suo progetto “Non-Scuola”. Collaborerà con l’USL di Massa Carrara a progetti formativi per anziani e adolescenti. Fonda la compagnia Boofe Koor Teatro con la quale tiene corsi di teatro e produce spettacoli fra cui “Le Nuvole, ovvero quel che resta del padre”, “Primo Levi: La Chimica”, “Il vagabondo delle stelle”. Dal 2018 organizza laboratori teatrali e una rassegna di teatro estivo assieme all’associazione “La casa delle Muse”.


ALESSIO MOSTI


Alessio Mosti (Massa 1988) è un compositore, musicista e cantante. Nel 2014 pubblica “Entronauta” col progetto “I viaggi di Jules” con cui riceve una nomination per la miglior opera prima al Premio Tenco dello stesso anno. Tre anni più tardi fa uscire “Si può vivere senza” per Phonarchia dischi col progetto “Il Veneno”. Si focalizza sulla composizione di musica elettronica dopo aver lavorato come assistente durante la pre-produzione del disco IRA di Iosonouncane (2018). Nello stesso anno lavora con la sound engineer/ designer Azzurra Fragale (Iosonouncane, Paolo Angeli, Julie’s Haircut) alle registrazioni del primo album sperimentale “8” che uscirà prossimamente per l`etichetta Materiali Sonori, a cui partecipa la violinista Marna Fumarola. Durante lo stesso anno prende forma il progetto S.P.B (sonic performances for biodiversity): un ensamble di elettronica e violino per la sonorizzazione di elementi naturali. Nel macro-progetto S.P.B Alessio insieme a Marna e Azzurra, iniziano durante l`estate 2019 a performare sonorizzazioni di arnie di api con il nome Tobees, volte a sensibilizzare riguardo alla condizione delle api nell`attuale ecosistema. Nel 2020 Alessio lavora inoltre come compositore e sound designer nel publishing, e compone una raccolta di musiche d`ambiente per Halidon che uscirà durante il 2020 con il titolo di “Sonic meditations”. Nel 2019 Alessio inizia una collaborazione con Riccardo Tesio (Marlene Kuntz) per un progetto di sonorizzazioni di film che vede i due artisti coinvolti in improvvisazioni su sistemi modulari.